Verso l'inverno, non trascurare la piscina: come proteggerla durante la stagione fredda

La stagione fredda è sempre più vicina e per ritrovare in estate la piscina in perfette condizioni non può trascurare le operazioni di invernaggio

Estate agli sgoccioli, tra pochi giorni sarà autunno e si andrà sempre più velocemente verso la stagione fredda. La piscina in giardino ha fatto il suo dovere, non scordartelo e trattala bene per riaverla al top in estate. La protezione invernale della piscina, lo dice il nome, si chiama "invernaggio" e la serie di procedure permette di evitare danni alla strutura. L'operazione non è proprio economica, ma è indispensabile poter usare la meglio la piscina tra 8 o 9 mesi.

I vantaggi dell'invernaggio

- Le piastrelle non si rovinano perchè non vengono attaccate dal freddo;

- La sporcizia non si incrosta quindi può essere rimossa facilmente;

- L’acqua non si sporca e quindi non si crea il rischio di creare uno stagno;

- In primavera quando si riprende ad usarla non si è costretti a svuotarla.

- L’invernaggio di solito si effettua quando la temperatura scende sotto i 12° altrimenti c’è il rischio della continua formazione delle alghe.

La procedura

Per effettuare nel modo corretto questo processo, è bene pulire preventivamente l’acqua. Nel caso di residui meglio effettuare un controlavaggio del filtro. Fatto questo bisogna pulire a fondo i cestelli o le retine presenti nel canalone di sfioro e il prefiguro della pompa. Una volta sistemato il filtro bisogna controllare il ph e la durezza dell’acqua. Per regolarlo bisogna immettere in vasca i prodotti chimici necessari e lasciarli circolare all’interno dell’acqua.

Nel frattempo, se il locale tecnico e sotto il livello dell’acqua bisogna chiudere le varie valvole. Se invece il locale tecnico e sopra, meglio lasciare le valvole aperte a metà. A questo punto bisogna pulire il cestello prefitro della pompa e svitare i tappi per lo spurgo. Fatto questo le operazioni sono concluse e possono essere ripetute a metà inverno.

L’invernaggio permette di non svuotare  la piscina e di preservare una serie di caratteristiche. La presenza dell’acqua evita eventuali piegamenti e cedimenti della struttura. Per quelle rivestite in pvc, si evita di far indurire il rivestimento con il freddo, mentre quelle in mosaico potrebbero distaccarsi. Per quanto riguarda le incrostazioni, le temperature basse potrebbero farle incrostare e quindi rendere difficile la rimozione.

Come installare una piscina nel proprio giardino e quanto costa

Dove l'inverno è più rigido

Nelle zone in cui l'inverno è particolarmente rigido si rischia il congelamento totale dell’acqua, quindi meglio abbassare il livello dell’acqua sotto gli skipper e svuotare le tubature. A questo si aggiunge il posizionamento sulla superficie dei galleggianti morbidi per impedire la formazione del ghiaccio.

Le coperture

Una volta effettuate tutte le operazioni di invernaggio, si può procedere alla copertura. Ci sono varie opzioni ognuna con le sue caratteristiche. Tra le soluzioni semplici ed efficaci ci sono i teli di copertura ancorati con strutture tubolari. La copertura economica mette al sicuro la piscina da sporcizia e residui.

- La copertura filtrante, parzialmente o totalmente, permette di evitare l’accumulo di acqua sulla superficie, ma trattenendo la sporcizia e le foglie.

- La piscina coperta, anche se più costosa è più sicura e la protegge dagli agenti atmosferici che potrebbero danneggiarne parti delicate della struttura.

La sicurezza

Se in casa ci sono bambini o animali meglio una copertura di sicurezza in grado di reggere un determinato peso. In questo modo non c’è il rischio di incidenti o cadute pericolose in piscina. Da giugno 2018 in base alla normativa UNI 11718, ci sono  dei requisiti da rispettare: la copertura deve prevenire la caduta di un bambino e deve evitare che questo si infili sotto. Il carico da sopportare un peso di 100 kg, il fissaggio non deve causare inciampi ai bambini. In caso di copertura automatica il sistema centralizzato deve essere posizionato lontano dalla portata dei bambini.

A chi rivolgersi? 

Gramaglia Srl, via Ancona snc – San Biagio di Osimo, tel. 071 710 8700

Pal.Bo. Piscine, via Achille Grandi 45 – Tel. 071 286 1014 – cell. 330 881168

Marche Piscine, via XXIV Maggio 2 (Jesi) – Tel. 39 0731 080805

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quando si possono accendere i termosifoni: tutte le date città per città

  • Se la dispensa diventa un nido di insetti: come salvare il cibo (quando si può)

  • In salotto ci metto un veliero: la passione per il modellismo ad Ancona

  • Costumi in soffitta e giacche nell'armadio, è ora del cambio di stagione: come farlo senza stress

Torna su
AnconaToday è in caricamento