Facciamo l'albero, naturale o artificiale? Tutti i pro e i contro che aiutano a scegliere

Acceso il grande albero di piazza Roma, è quasi arrivato il momento di allestire quello in casa. Il dilemma è: naturale o artificiale? Una guida che vi aiuta a scegliere

Acceso il grande albero di piazza Roma, è quasi arrivato il momento di allestire quello in casa. Il dilemma è: naturale o artificiale? 

Negli ultimi anni questa tipologia di albero si è diffusa sempre di più nelle nostre case. Ma come quello naturale ha i suoi lati positivi e quelli meno.

I pro dell'Albero artificiale

Durata

La durata è una delle caratteristiche principali di questo modello. Questo è un punto fondamentale se abbiamo particolarmente a cuore l’ambiente. L’albero, infatti, può essere usato diversi anni di seguito, non si può dire lo stesso di quello vero. Se non trapiantato nel luogo giusto e nei tempi adatti potrebbero correre il rischio di morire e quindi si è costretti a buttarlo. Il modello artificiale e di buona qualità può essere riutilizzato anche per 10-15 anni di seguito.

Tipologia

Un altro vantaggio dell'albero artificiale è la possibilità di scegliere il modello in base alle nostre necessità di spazio. Quello slim è perfetto se la camera che si sviluppa in altezza, mentre quello piccolo è indicato nell'ambiente non molto grande. Inoltre, si può scegliere il colore, dal classico verde, a quello con alcuni rami leggermente innevati o quello bianco per chi ama lo stile moderno. 
Qualità e praticità

Attualmente i materiali impiegati per la realizzazione degli alberi sono davvero di ottima qualità. Mentre prima si notava la differenza a colpo d'occhio, attualmente molti alberi artificiali sembrano veri.
Un'altra caratteristica è quella di essere estremamente pratici. Mentre quelli veri devono essere trasportati e sono pesanti, quelli artificiali, sono leggeri. Inoltre, una volta terminate le feste, basta smontarli e rimetterli nella loro scatola pronti per essere usati l'anno successivo.

Costo 

Per quanto riguarda i costi, tra quello artificiale e quello naturale non c'è molta differenza. Il discorso cambia quando si parla di durata. Mentre la spesa del primo può essere ammortizzata nel corso degli anni, quello vero no. Di solito la durata media è di un anno e ogni volta bisogna acquistarne uno nuovo. 

Manutenzione e sicurezza

In questo caso la manutenzione è quasi inesistente, il modello finto, a differenza di quello vero non perde gli aghi che poi vi trovate in tutta casa. Poi, basta un semplice colpo di spugna e l'albero ritorna pulito senza alcun residuo di polvere. L'albero artificiale spesso è realizzato in materiale ignifugo, quindi non c'è alcun rischio incendio a differenza di quanto può accadere con un albero vero nel caso di un cortocircuito delle luci. 

I contro 

Atmosfera natalizia

Per gli amanti del Natale e dell'atmosfera natalizia, l'albero artificiale anche se di buona fattura, non riuscirà mai a diffondere l'aroma tipico del pino vero. Si potrebbe rimediare con dei profumatori o diffusori d'oli alla fragranza di pino, ma di sicuro non si avrà lo stesso effetto. 
Inoltre, la qualità dell'albero di natale fa la differenza. Meglio acquistare un prodotto che sia certificato e atossico, per evitare rischi alla salute. 
Come ogni oggetto di plastica, dopo una serie di anni dall'utilizzo, arriverà il momento di doverlo cambiare. In questo caso si deve affrontare il problema dello smaltimento. La plastica non è biodegradabile quindi deve essere smaltita nel modo corretto per evitare conseguenze sull'ambiente. Per farlo si deve contattare il servizio di smaltimento di competenza e chiedere tutte le informazioni e i dubbi.  

Dove comprarlo online

Albero artificiale con luci a Led

Albero in pvc

Flora New Tiffany

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caffè perfetto con la moka, i consigli degli esperti per ottenere l’aroma ideale

  • Ufficio o sala fitness in balcone, si può con la veranda: permessi e iter per costruirla

  • Poca acqua dal rubinetto? Colpa del calcare, i rimedi green per pulire le tubature e non solo

  • Ricavare una stanza nella mansarda, idee e consigli per l’arredo

  • Il tepore che le piante non vogliono, i rischi del termosifone e come proteggerle

Torna su
AnconaToday è in caricamento