L'Oipa informa

L'Oipa informa

Freddo e neve, come tutelare gli amici animali: i consigli dell'OIPA Ancona

Cani e gatti soffrono il freddo, a prescindere dalla presenza del manto che non sempre può bastare a proteggerli da basse temperature per cui meglio accogliere i nostri animali in casa

La stagione invernale è nel pieno del suo svolgimento, con temperature spesso basse e rigide: questo può incidere sulla salute dell’uomo ma anche su quella dei propri animali. Cani e gatti soffrono il freddo, a prescindere dalla presenza del manto che non sempre può bastare a proteggerli da basse   temperature. In questo periodo è importante accogliere i nostri animali in casa al caldo e al riparo da vento, pioggia e principalmente dal temibile gelo. Un’ acquazzone improvviso, un vento troppo impetuoso, potrebbero interagire con lo stato di salute degli animali fino a indebolirli soprattutto quelli con un’ età avanzata.  Se questo non fosse possibile è indispensabile attrezzare correttamente la cuccia posta all’esterno, spostandola nella parte più riparata e accanto alla casa. Magari sotto il porticato, così da evitare folate dirette di vento gelido e piogge incessanti, inoltre è bene che non sia a diretto contatto con il terreno,come da normativa vigente, così da consentire una base asciutta. All’interno la cuccia dovrà essere perfettamente isolata e comprendere cuscini e coperte calde.E’ importante asciugare bene il pelo e le zampe del nostro amico a quattro zampe soprattutto dopo aver passeggiato in mezzo alla neve o sotto la pioggia. Attenzione: nella neve il cane potrebbe perdere l’olfatto e smarrirsi e come sempre è obbligatorio condurre il proprio animale con il guinzaglio. Non lasciate mai un cane incustodito in auto perché molto pericoloso durante la stagione estiva in quanto potrebbe soffocare, ma lo è anche d’inverno. Il veicolo potrebbe diventare una sorta di frigorifero, soprattutto durante le ore serali, causando l’ipotermia o il congelamento dell’animale. Nel caso di animali randagi è importante verificare la presenza di ciotole per il cibo,acqua e soprattutto un riparo adeguatamente caldo con coperte. Una scodella d’acqua e una di crocchette, da sistemare in un posto riparato, è sempre la soluzione  migliore anche per gli animali più diffidenti, un valido supporto per chi non ha casa e protezione.

Ma non solo cani e gatti patiscono il freddo, anche gli stessi animali selvatici che spesso si avventurano verso i centri abitati, una scelta per ricercare cibo e alimenti. L’inverno è la stagione più rigida dal punto di vista delle provvigioni, quindi per molti esemplari la ricerca del cibo è molto complessa. Non è raro quindi imbattersi in esemplari stanchi, spossati e debilitati che necessitano di aiuto e soccorso. Importante allertare,in caso di emergenza,gli enti competenti  o rivolgersi a rifugi e strutture attrezzate. Per quanto riguarda i volatili è importante fornire loro acqua e cibo (graniglie), posti in piccoli piatti e da sistemare sul balcone oppure in giardino. È possibile recuperare in commercio mini mangiatoie per uccelli oppure crearle riutilizzando bottiglie di plastica, dove inserire il cibo. Si fora il corpo della bottiglia creando mini aperture per il becco e si inseriscono bastoncini di legno, o cucchiai, dove l’uccellino può appoggiare le zampe per nutrirsi.

L’OIPA sezione di Ancona  raccomanda di prestare attenzione ai nostri amici pelosi affinchè possano superare senza alcun tipo di problema questo inverno veramente gelido.

L'Oipa informa

L'Organizzazione Internazionale Protezione Animali ha lo scopo di tutelare gli animali da ogni forma di maltrattamento. Questo blog è stato creato in collaborazione con AnconaToday appositamente per dare risposte, sul mondo animalista, ai cittadini di Ancona e provincia



Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Torna su
    AnconaToday è in caricamento