Prevenzione e salute, marchigiani promossi a tavola ma poco costanti nell'attività fisica

Oltre due marchigiani su tre (69%) si dicono attenti alla prevenzione attraverso la dieta. Spesso con scelte mirate e consapevoli, veri e propri “stili di vita”

Il 69% dei marchigiani dichiara di seguire un'alimentazione attenta alla propria salute, adottando comportamenti e accortezze per restare in forma e prevenire il più possibile l'insorgere di patologie. Lo evidenzia l'ultima ricerca dell'Osservatorio di Reale Mutua sul welfare.

Oltre due marchigiani su tre, insomma, fanno della dieta una forma di prevenzione. E una fetta importante di questi non si limita al semplice buon senso, ma lo fa con scelte mirate e consapevoli, che diventano veri e propri “stili di vita”: il 29%, infatti, seleziona sempre con cura che cosa mettere in tavola, controllando ingredienti e apporto calorico sulle confezioni, e ben il 31% acquista in prevalenza prodotti integrali e biologici. Ma, accanto a queste scelte più rigorose, come si comportano gli abitanti delle Marche che fanno prevenzione a tavola? Il 66% limita l’uso del sale e il 60% mangia molta frutta e verdura. Un ulteriore 49% cerca di contenere il consumo di carne rossa e il 34% quello di alcol.

L'attenzione e la cura poste in ambito alimentare non vengono invece impiegate nell'attività fisica. Qui le percentuali si ribaltano: solo il 39% dei marchigiani dichiara di praticare attività fisica o sportiva regolarmente. Gli altri, a parte un 8% che si dice non interessato, sembrano avere buoni propositi, ma spesso manca loro il tempo per essere più costanti, invece di limitarsi a fare moto una volta ogni tanto (35%), o per iniziare del tutto a praticare (18%). Ma in materia di prevenzione e stile di vita a chi si rivolgerebbero gli abitanti di Marche? Per quasi la metà dei marchigiani (49%) la figura di riferimento è il professionista, come il medico, il dietologo o il personal trainer, mentre il 33% cercherebbe informazioni e programmi sul web, navigando su siti specializzati, blog e forum. Le app dedicate alla salute e al fitness, invece, verrebbero, a oggi, utilizzate dal 20% degli abitanti di Marche.

Potrebbe interessarti

  • I disturbi alimentari nel bambini: quando rivolgersi allo specialista

  • Si avvicina il controesodo: come viaggiare con il caldo (senza soffrire troppo)

I più letti della settimana

  • Non risponde al telefono, un'amica dà l'allarme: la trovano morta in salotto

  • L'orrore scoperto dalle due figlie, papà e mamma trovati impiccati

  • Sfugge al controllo della mamma, l'auto lo travolge: morto un bimbo di 9 anni

  • Paura nelle acque del porto, la barca avvolta dalle fiamme: dentro 5 persone

  • Il mostro ha vinto dopo 4 anni di lotta, Ilenia è morta: la giovane mamma lascia 2 bambini

  • Entra in acqua e poi scompare, lo cercano in mare ma lo trovano nella spiaggia libera

Torna su
AnconaToday è in caricamento