Punture di medusa: conseguenze sulla salute, rimedi e miti da sfatare

Se siete in mare e vi punge una medusa dimenticate i rimedi della nonna. Non serve però neppure correre in ospedale se non in casi specifici

Nelle acque della riviera del Conero le piccole meduse sono praticamente di casa. Quante volte abbiamo sentito qualche bagnante venir fuori dal mare di Marcelli, Sirolo o Numana e pronunciare quella frase capace di mandare per traverso la giornata di mare: «Oggi è pieno di meduse»?. E’ bene dunque conoscere da vicino gli esemplari di cui stiamo parlando.

Le meduse

Le meduse sono animali appartenenti alla famiglia dei celenterati, composte al 98% di acqua e al 100% ostili per l'uomo. La pericolosità di questi piccoli alieni fluttuanti non è data dalla loro composizione o della loro forma, ma deriva esclusivamente dalle estremità tentacolari, molto urticanti per l'uomo. Nei nostri mari, fortunatamente, un contatto accidentale con i tentacoli di una medusa non comporta gravi conseguenze, ma è bene sapere che chi risulta suscettibile alle tossine contenute nel veleno dell'animale può andare incontro a shock anafilattici.

Conseguenze della puntura

Parlare di vera e propria puntura in realtà non è propriamente esatto, dato che la medusa non ha un pungiglione ma bensì delle piccolissime "ventose" posizionate lungo i tentacoli, dette ecnidocisti, le quali contengono una sostanza formata da tre proteine che scatenano la reazione urticante una volta a contatto con la pelle umana. Questa sostanza provoca dolore, prurito, eritema e gonfiore localizzato nella parte interessata; generalmente la sensazione intensa di dolore può durare in media 20 minuti, seguita da una fase di indolenzimento e di forte prurito.
Va ricordato che l'effetto della puntura di medusa dipende dalla suscettibilità individuale, dalla specie in questione, dal tempo di permanenza in acqua e dall'area geografica dell'incidente: per esempio, lungo le coste australiane e nei mari tropicali ci sono specie di meduse il cui contatto può portare anche alla morte.

Cosa fare dopo la puntura

Nei nostri mari, come già detto in precedenza, non ci sono specie di meduse mortali né particolarmente pericolose, quindi se ti dovesse capitare di incontrare una e, inavvertitamente, entrare in contatto con i suoi tentacoli, ecco qualche pratico suggerimento per neutralizzare gli effetti della reazione.
•    Sciacquare la zona interessata con acqua di mare

In caso di puntura, sciacquare ripetutamente la parte colpita con acqua di mare aiuta a diluire le tossine rilasciate dai tentacoli non ancora penetrate nella pelle. Evita, invece, di sciacquare la parte con acqua dolce poiché non farebbe altro che favorire la rottura delle cnidocisti residue rimaste sulla pelle ed aumentare così la sensazione di dolore.
•    Pulire la pelle da filamenti residui

Finché i tentacoli e gli eventuali residui della medusa aderiscono alla pelle, continuano a rilasciare veleno, quindi vanno prontamente rimossi per interrompere il rilascio delle tossine urticanti. Per pulire accuratamente la pelle, ti dovrai munire di uno strumento quanto più simile ad una spatola in plastica, come una carta di credito, o di un coltello (ovviamente da non usare dalla parte della lama!) e raschiare con molta delicatezza tutto ciò che di residuo è rimasto sulla pelle. Ricorda che la delicatezza e la pazienza sono fondamentali in quanto la parte interessata su cui si sta operando è dolorante e gonfia.

•    Applicare un prodotto a base di cloruro di alluminio

Per lenire il prurito, applica una crema o un gel a base di cloruro di alluminio, meglio se ad una concentrazione del 5%. Questo prodotto è reperibile in farmacia e serve a lenire il prurito e a bloccare la diffusione delle tossine rilasciate dalla medusa.
In caso di reazioni di più grave entità (reazione cutanea diffusa, nausea, vomito, sudorazione profusa, mal di testa, pallore, vertigini, disorientamento e difficoltà respiratorie) chiama subito i soccorsi o recati presso una struttura medica il prima possibile.

.. e cosa non fare

L'errore più comune, ma allo stesso tempo più dannoso, che si possa compiere è seguire l'antico rimedio della nonna, ovvero quello di applicare ammoniaca, urina, limone, aceto o alcol sulla zona colpita; questo porterà ad un sensibile peggioramento dell'irritazione acutizzandone gli effetti sulla pelle. Ricorda inoltre di non strofinare né grattare la parte infiammata, perché così facendo potresti rompere e aumentare il rilascio delle tossine da parte delle cnidocisti residue rimaste attaccate alla superficie cutanea.

Guardia medica ad Ancona e riviera

Ancona, Ospedale Regionale di Torrette, via Conca 71 - Tel. 071 5961

Sirolo, via del Gelso 4 – Tel. 071 9330255

Numana, via Eolie 9, Marcelli (Dal 15 giugno al 31 agosto 2017) – Tel. 071 7391408
 

Potrebbe interessarti

  • Non chiamatela "lap dance": i benefici della pole dance e dove impararla

  • Allergia agli acari della polvere, come scoprirla: cause, sintomi e rimedi

I più letti della settimana

  • Un caso di febbre Dengue ad Ancona, è allerta: scatta il piano di prevenzione

  • Terribile schianto in A14, traffico bloccato: un ferito in gravissime condizioni

  • Elisa trovata morta vicino al suo cane, l'autopsia rivela: «E' stato un malore»

  • Inferno in A14, colpa del cambio di carreggiata: 27enne in gravissime condizioni

  • Auto in fiamme in A14, il conducente muore carbonizzato

  • Carambola da paura nella notte: 7 i coinvolti, due feriti gravi

Torna su
AnconaToday è in caricamento