Smettere di fumare: dieci consigli utili per uscire dalla dipendenza

Smettere di fumare è possibile. Spesso si sceglie di farlo dopo una forte esperienza personale o perché si è deciso di salvaguardare la propria salute senza cedere oltre alla dipendenza

Smettere di fumare è possibile. Spesso si sceglie di farlo dopo una forte esperienza personale o perché si è deciso di salvaguardare la propria salute senza cedere oltre alla dipendenza. L’Istituto Superiore di Sanità ha quantificato in Italia ben 11,6 milioni di fumatori, ossia più di un italiano su cinque con una crescita dei fumatori 'under 20'. Il 5% di coloro che adesso usa la sigaretta elettronica non aveva mai fumato in vita propria. Il tabacco in eccesso è un vero e proprio killer, lo dicono i numeri: è una delle principali cause di morte in Italia con una stima che va da 70.000 a 83.000 casi. 

1 - Non avere fretta 

Per smettere di fumare occorre una forte motivazione che spesso si rivela un fuoco di paglia. Le prime 24 sono quelle più probanti: se domani a quest’ora siete ancora intenzionati a gettare via il pacchetto, i seguenti consigli possono aiutarvi davvero.  

2 - Via gli stimoli 

Lontano dagli occhi, lontano dal fumo. Via da casa tutto quello che rimanda alla sigaretta come posacenere, pacchetti etc. Profumare l’ambiente può essere un altro buon consiglio. 

3 - Perché smettere?

Prova a stilare un elenco dei motivi che ti spingono a smettere di fumare e quando hai voglia di sigaretta…leggilo!

4 - Perché fumi?  

Già, perché fumi? E’ un modo per staccare dalla routine? La sigaretta è legata a una compagnia o a un momento particolare? Scoprire il motivo alla base del vizio aiuta a prevedere la tirata (e quindi a evitarla). 

5 - Il momento giusto

Provate a smettere nel momento in cui lo stress è al livello minimo, ad esempio il periodo delle ferie. 

6 - Via i rituali 

Se la sigaretta arriva dopo il caffè, spezza quella routine. Sostituisci la fumata con una passeggiata, una telefonata con un amico o una caramella senza zucchero. 

7 - Acqua vs fumo 

Bere due litri d’acqua al giorno depura l’organismo dalla nicotina e può ridurre la sindrome di astinenza. 

8 - Cibo 

Prova a evitare i sapori forti come il peperoncino, il caffè o gli alcolici: alcuni studi dimostrano che aumentano il desiderio di sigaretta.

9 - Attività fisica 

L’attività fisica non solo aiuta a ridurre la voglia di fumo, ma contrasta l’aumento di peso che può esserci dopo aver abbandonato la nicotina. 

10 - Premiati 

Premiarsi nel momento in cui si è raggiunto anche un piccolo obiettivo. Festeggiare il primo giorno, la prima settimana o il primo mese senza fumo. Pianificare per bene le proprie giornate, evitando di andare nei luoghi che possono incitare al fumo (al cinema per esempio non si può fumare).

I centri antifumo in provincia 

Ad accompagnarvi nell’impresa c’è il medico di famiglia, ma anche chewing-gum, linee telefoniche specializzate e gruppi di aiuto. In provincia di Ancona non mancano i centri antifumo: 

Poliambulatorio ASL 7 – servizio pneumologico (via C.Colombo 106) tel. 071/8705590-1-2-8

Azienda USL 6 Ser.T, viale Stelluti Scala, 3 – Fabriano 0732/24258 - 0732/707461-2

Ospedale Murri – Jesi, Penumologia – Tel . 0731/534182 – 54

Ospedale SS. Benvenuto e Rocco, Osimo, via Leopardi 15 – Tel. 071/7130727
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto corruzione in Comune, arrestati 4 imprenditori e indagati 4 assessori

  • Terremoto al Comune di Ancona, corruzione e clientelismo: serie di arresti e indagati

  • E' un colosso del bricolage e fai-da-te, ad Ancona arriva Leroy Merlin: 100 assunzioni

  • Choc nel Comune di Ancona, arresti ed indagati: sono oltre 30 le persone coinvolte

  • Terremoto in Comune, la Mancinelli: «Sono preoccupata ma ora calma e gesso»

  • Tragedia in strada, travolto da un'auto mentre attraversa: ciclista morto sul colpo

Torna su
AnconaToday è in caricamento