I disturbi alimentari nel bambini: quando rivolgersi allo specialista

Una piccola guida che può aiutarvi a riconoscere i primi "campanelli d'allarme"

I disturbi alimentari nei bambini possono nascondere problematiche più serie e, se non trattate, protrarsi negli anni successivi. Riconoscerli e affrontarli con un bravo medico specialista è la prima cosa da fare, ma spesso i sintomi non sono così chiari da far scattare il classico campanello d’allarme. 

Celiachia nelle scuole di Ancona, i dati

Qualcosa non va se…

Qualcosa non va nell’alimentazione del bambino quando compaiono questi sintomi: 

-    Rifiuto del cibo reiterato e in situazioni specifiche

-    Estrema selezione degli alimenti (nei bambini più grandi): occhio al rifiuto anche solo di assaggiare alimenti nuovi 

-    Disfagia funzionale: il bambino mostra parziale rifiuto del cibo per paura di vomitare o soffocare, anche se non ha patologie particolari

I disturbi alimentari più frequenti 

•    disturbo della nutrizione: in cui il bambino non riesce ad assumere la quantità e la qualità di nutrienti necessarie al suo sviluppo, andando incontro a problemi della crescita;

•    comportamento “pica”: ossia l’abitudine che hanno alcuni bambini di ingerire sostanze non commestibili, come i sassi o la sabbia;

•    disturbo di ruminazione: un problema legato a frequenti episodi di rigurgito, da ricollegare però unicamente a disturbi comportamentali e non a malattie, come il reflusso gastroesofageo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sale sull'altare completamente nuda e urla come un'indemoniata: chiesa sgomberata

  • Entra in negozio e stacca il dito del titolare a morsi, poi scappa e viene arrestato

  • C'è l'esito dell'autopsia di Giuliano e un indagato: è il conducente del furgone

  • Investito da un'auto dopo essere uscito dal bar, è grave un uomo di 64 anni

  • Frontale tra due auto, paura per una giovane automobilista e strada chiusa

  • Si prostituiscono in casa, gli agenti si fingono clienti e le scoprono: donne nei guai

Torna su
AnconaToday è in caricamento