Presentato l’accordo fra Rieco e Ancitel energia e ambiente

Con l’accordo prendono il via importanti progetti nei comuni serviti da Rieco S.p.A

L'incontro dell'accordo

L’economia circolare come chiave di volta per tutelare l’ambiente e per promuovere i comportamenti virtuosi sul territorio dei comuni gestiti dalla Rieco SpA. In questa prospettiva è stato presentato a Pescara il Piano d’attività per il 2019 voluto da Rieco S.p.A. in collaborazione con Ancitel Energia e Ambiente, che introdurrà nuovi progetti di sostenibilità ambientale rivolti ai cittadini. In particolare un nuovo sistema di educazione ambientale, basato sulla tecnologia digitale in realtà virtuale, accompagnerà gli studenti alla scoperta degli impianti di valorizzazione dei rifiuti con l’obiettivo di approfondire il ciclo dell’economia circolare nel suo complesso.

«Prosegue la collaborazione con Ancitel Energia e Ambiente, già iniziata lo scorso anno su alcuni comuni della provincia di Pescara e di Teramo - precisa Alberto Berardocco, Presidente della Rieco Spa - che ha portato alla realizzazione di campagne di sensibilizzazione ambientale innovative, riscontrando una grande partecipazione da parte delle Amministrazioni comunali, cittadini e studenti. E’ proprio grazie a questo successo iniziale che la Rieco Spa ha deciso di consolidare i rapporti con Ancitel Energia e Ambiente proponendo ulteriori campagne di comunicazione sperimentali e coinvolgendo sempre più un numero maggiore di Comuni e cittadini, nell’ottica di promuovere l’importanza della raccolta differenziata e incrementare il riciclo dei rifiuti prodotti, oltre a mettere a disposizione dei Comuni serviti da Rieco Spa tutte le progettualità sviluppate da Ancitel. Siamo lieti di questo nuovo accordo che farà crescere ulteriormente la società nelle attività di supporto strategiche al raggiungimento dei migliori risultati possibili con l’ausilio delle migliori tecnologie disponibili nel settore».

«L’accordo - sottolinea Filippo Bernocchi, Presidente Ancitel Energia e Ambiente - evidenzia la determinazione dei comuni abruzzesi a giocare un ruolo di primissimo piano rispetto ai temi dell’economia circolare. È per questa ragione che risulta fondamentale una svolta culturale che miri a educare fin da subito le nuove generazioni a seguire quei comportamenti virtuosi che creeranno una maggiore consapevolezza dell’ambiente che li circonda. I nuovi progetti, nati dalla collaborazione con Rieco S.p.A., forniranno delle concrete soluzioni per adeguare e ottimizzare i servizi del territorio ai contesti organizzativi in costante evoluzione».

Con l’accordo prendono il via importanti progetti nei comuni serviti da Rieco S.p.A.: migliorare la qualità della raccolta dei rifiuti Al fine di ottimizzare la gestione del ciclo dei rifiuti, il progetto prevede un supporto diretto dei rapporti tra i Comuni abruzzesi e i Consorzi di filiera. Si punterà ad avviare i Comuni ad intercettare finanziamenti utili a realizzare dei progetti speciali che consentiranno di implementare azioni in grado di migliorare la qualità della raccolta dei rifiuti e di ampliare la comunicazione ambientale rivolta ai cittadini. Molto è stato fatto in questi anni dalla gestione della Rieco Spa affinché si raggiungessero validi obiettivi di raccolta differenziata nei territori dell’Abruzzo, Marche e Lazio. L’operazione raccolta differenziata portata avanti dalla Rieco Spa in circa sessanta comuni di Abruzzo, Marche e Lazio ha consentito miglioramenti della qualità dei servizi offerti alla popolazione e il conseguimento di livelli di raccolta differenziata dei rifiuti elevati. Basti pensare che nello scorso anno il dato medio di raccolta differenziata “porta a porta” per i comuni gestiti dalla Rieco Spa è stato il seguente: circa il 74% nella provincia di Pescara (che vede in testa alla classifica il comune di Moscufo con valori oltre il 79%), circa il 73% nella provincia di Chieti (che vede in testa alla classifica il comune di Montebello sul Sangro), circa il 67% nella provincia di Teramo ed arrivando a valori di circa l’80% nei comuni della provincia di Ancona (che vede in testa alla classifica i comuni di Monte San Vito e di Camerano con valori al di sopra dell’81%). Nuovo sistema di educazione ambientale Tecnologie digitali in realtà virtuale per accompagnare gli studenti alla scoperta dell’economia circolare. Nasce, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, il nuovo sistema di educazione ambientale per gli studenti abruzzesi con l’obiettivo di approfondire il ciclo dell’economia circolare nel suo complesso. Gli studenti avranno così la possibilità di imparare i comportamenti virtuosi divertendosi. In particolare, il tour Waste Travel 360° è il primo progetto di realtà virtuale dedicato all’economia circolare dei rifiuti che, con video e immagini a 360°, porterà i ragazzi all’interno degli impianti di valorizzazione dei rifiuti, alla scoperta di cosa accade dopo il conferimento nei cassonetti di questi materiali.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si annoda una corda al collo e si lascia andare: vigile del fuoco trovato morto in casa

  • Investita sulle strisce pedonali nella strada maledetta: grave una donna di 53 anni

  • E' morto Renzo Castellani: era il compagno della consigliera 5 Stelle Romina Pergolesi

  • Apre la nuova scuola di danza, Andreas e Veronica insegnanti d’eccezione

  • La mamma ritrova il suo portafoglio, dentro c'erano i documenti del figlio ricoverato al Salesi

  • Il furgone sbanda e travolge un'auto, donna bloccata tra le lamiere

Torna su
AnconaToday è in caricamento