Royal wedding il nuovo libro della blogger anconetana Marina Minelli

Dalla regina Vittoria al principe Harry, i matrimoni che hanno creato il mito della monarchia inglese

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Due secoli di storia della dinastia più famosa al mondo raccontati attraverso i quattordici matrimoni che hanno creato il mito della famiglia reale e della monarchia inglese. Il nuovo libro della royal blogger Marina Minelli è un saggio che si legge come un romanzo nel quale le vicissitudini di personaggi come la regina Vittoria, Giorgio V, Edoardo VIII, Giorgio VI, sua figlia Elisabetta II, Carlo, Diana, William e suo fratello Harry, si intrecciano alle vicende sociali di una nazione che ha fatto dei royals uno dei principali motivi di attrazione e della sua regina una vera e propria icona mondiale. “Tutto comincia con la regina Vittoria – spiega Marina Minelli, storica, giornalista e, dal 2009, autrice di AltezzaReale.com il primo blog italiano dedicato alle teste coronate – che nel 1840 decide di trasformare le sue nozze con l’amato Alberto in un vero e proprio show. Fino a quel momento i royal wedding erano stati eventi familiari e privati, ma la giovane sovrana capisce che il suo matrimonio può essere uno straordinario mezzo per la promozione della dinastia, all’epoca poco amata e molto criticata, e persino un’occasione per rilanciare certi prodotti nazionali”. Infatti Vittoria, che grazie alla sua scelta di indossare un abito candido rende popolare l’uso del bianco per le spose, si copre letteralmente con metri di prezioso merletto prodotto a Honiton nel Devon, contribuendo così al rilancio dell’artigianato locale. I figli, i nipoti e i pronipoti della sovrana seguiranno la strada tracciata da questa piccola donna tenace e i royal wedding diventano un fenomeno sociale e culturale. “Attraverso i matrimoni – osserva l’autrice – la monarchia oltre a mettere in scena se stessa e i riti immutabili che l’hanno resa leggendaria, dà vita a nuove tradizioni subito entrate nell’immaginario collettivo e si adattata velocemente all’uso dei nuovi mezzi di comunicazione, trasformati in un importante veicolo di condivisione popolare capaci di coinvolgere ogni volta milioni di persone facendo leva sulle emozioni, sui sentimenti ma anche sul glamour”.

Nel libro ci sono ovviamente le vicende che portano la coppia davanti all’altare, ma anche tutti i dettagli della cerimonia, dall’abito della sposa alla musica scelta per accompagnare la cerimonia fino al menù del ‘wedding breakfast’ perché, come chiarisce Marina Minelli, “i royal wedding inglesi hanno creato consuetudini diffuse poi in tutto il mondo”. Da sempre il matrimonio è uno dei momenti chiave nella vita di un sovrano perché contribuisce al consolidamento del suo ruolo istituzionale attraverso la presenza sul trono e a corte di un consorte e garantisce l’arrivo di una discendenza legittima che possa assicurare la prosecuzione della stirpe e la successione ma le nozze dei sovrani inglesi vanno oltre. “I royal wedding – fa notare Marina Minelli – narrano la storia di una grande nazione e di una famiglia il cui ruolo simbolico non è mai venuto meno e anzi si consolida ogni giorno di più anche attraverso l’uso dei social e dei new media”. ROYAL WEDDING Dalla regina Vittoria al principe Harry, i royal wedding che hanno creato il mito della monarchia inglese. 370 pagine b/n Edizioni AltezzaReale.com Marina Minelli dopo la laurea in Storia moderna a Bologna ha fatto per molti anni la giornalista di cronaca. Esperta di storia delle famiglie reali europee, nel 2009 ha creato AltezzaReale.com, il primo sito italiano dedicato ai royal di ieri e di oggi. Ha partecipato come opinionista a Uno Mattina Estate, Estate in Diretta, La Vita in Diretta, TG1 Storia, Tg2 Costume&Società, Mattino Cinque e TG5 Storia. Ha pubblicato “La famiglia Ferretti di Ancona”, “101 storie di regine e principesse che non ti hanno mai raccontato”, “Le regine e le principesse più malvagie della storia”, “101 storie sulle Marche che non ti hanno mai raccontato”, “Un tè con la Regina”, “Sulle tracce di Lady Diana – Quindici itinerari a Londra e dintorni nei luoghi della principessa di Galles”. Studiosa di royal commemorative potteries ha esposto la sua collezione al museo Glauco Lombardi di Parma e al Völklinger Hütte di Saarbrücken (Germania). Nel giugno del 2017 ha seguito il Trooping the Colour, la parata ufficiale per il compleanno della Regina, come giornalista straniera accreditata e il 19 maggio 2018 ha commentato su SkyTg 24 la diretta del matrimonio fra il principe Harry e Meghan Markle.

Torna su
AnconaToday è in caricamento