Musica in spiaggia, c’è la deroga all’ordinanza: i nuovi limiti per la movida estiva

La deroga è entrata in vigore oggi e stabilisce i nuovi orari per stabilimenti e locali che organizzano serate musicali in spiaggia

Foto di repertorio

E’ entrata in vigore oggi, venerdì 21 giugno, la nuova ordinanza del Comune di Falconara che disciplina le serate musicali in spiaggia, concedendo una deroga alle attività che durante la serata vogliono alzare il volume rispetto al Piano di classificazione acustica comunale. 

La deroga, nel periodo compreso tra il 21 giugno e l’11 agosto, è in vigore ogni martedì, giovedì, venerdì e sabato: fino alle due di notte si può arrivare a 70 decibel, in deroga ai limiti previsti dal Piano. Dalle due alle tre si può continuare a suonare, ma rispettando i limiti indicati dal Piano di classificazione acustica comunale. Alle tre la musica va definitivamente spenta. Nelle giornate di lunedì, mercoledì e domenica si può suonare musica d’ambiente, o comunque non si devono superare i limiti previsti dal Piano comunale, fino a mezzanotte e mezza, dopodiché la musica va spenta. Nella settimana di Ferragosto, dal 12 al 18 agosto, gli chalet avranno la possibilità di fare musica in deroga tutti i giorni, mentre dal 19 agosto al 15 settembre si tornerà a suonare in deroga il martedì, giovedì, venerdì e sabato. Il documento si basa su un accordo siglato anni fa tra il Comune e gli operatori balneari di Falconara.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il lungomare sommerso da acqua e detriti, danni ingenti a ristoranti e stabilimenti

  • Scoppia una cisterna, uomo travolto dall'esplosione: tragedia sfiorata in azienda

  • Insetti, avanzi di cibo e dipendenti in nero, arrivano i carabinieri: il ristorante chiude

  • Dramma al Salesi, muore il feto ma i medici salvano la vita della madre

  • Caos in tabaccheria per un Gratta e Vinci, scoppia una lite: arrivano i carabinieri

  • Segano le sbarre di una finestra, ladri in pasticceria: «Siamo blindati ma non basta»

Torna su
AnconaToday è in caricamento