Nuova piazza d'Armi, presentato il progetto: mercato, terminal bus e lampada urbana

Presentato il progetto della nuova piazza d'Armi. Mercato ma anche attività pomeridiane e serali con un nuovo terminal bus

Il nuovo mercato di piazza d'Armi

Una superfice di oltre 36mila metri quadrati di cui 2mila destinati al nuovo mercato coperto e altrettanti per quello outdoor. Nuovi parcheggi (560 posti auto ad uso e consumo della clientela), ma soprattutto viabilità modificata e un nuovo terminal per i bus extraurbani che arrivano da sud. E poi luce, tanta luce, il tutto disegnato dagli architetti under 35 dello studio “Cinque A”. Piazza d’Armi cambia forma con il nuovo mercato che, nonostante la bufera giudiziaria che ha coinvolto il Comune e in particolare l’ufficio dei lavori pubblici, è stato presentato questa mattina a Palazzo del Popolo. «C’è un bel casino, ma nonostante questo la macchina comunale va avanti nel realizzare i progetti essenziali per la città- ha detto il sindaco Valeria Mancinelli- questo non significa non considerare gli altri problemi. Ognuno farà il proprio mestiere, quello degli inquirenti è farci capire con chiarezza i fatti il prima possibile mentre il nostro è quello di realizzare opere che la città aspetta anche da vent’anni». Il progetto è stato scelto tra diverse soluzioni da un’apposita commissione ed è stato realizzato su proposta dell’Ordine Nazionali degli Architetti. 

Il progetto 

Il progetto presentato è ancora nella fase embrionale, nei prossimi 60 giorni sarà integrato con le osservazioni e le opinioni di chi vive e lavora in quella parte di città. Il concetto però è chiaro e si snoda in due princìpi. «Integrazione commerciale e integrazione sociale» ha detto l’assessore Paolo Manarini. Ci saranno due edifici al centro della piazza: il primo, quello più vicino a via Cristoforo Colombo, raccoglierà le attività commerciali con spazidestinati all’ortofrutta, alimentari, pescheria, locali tecnici, smaltimento rifiuti, bagni per il pubblico e cucina. Il secondo, alle sue spalle, ospiterà il bar, 250 metri quadrati destinati a flora e fauna, un ristorante e i locali commerciali che il Comune potrà decidere se dare in affitto o vendere. Tutte le attività commerciali all’aperto saranno poste a ridosso dell’edificio principale. L’illuminazione interna, secondo il progetto, si irradierà in modo potente anche all’esterno: «Sarà una mega lampada urbana che servirà all’estetica del posto ma anche alla sicurezza» ha detto il sindaco. Dal progetto “madre” si arriverà a una progettazione per lotti funzionali: edifici e modifiche alla viabilità verranno studiate e realizzate non contemporaneamente per dare la possibilità all’attuale mercato di funzionare senza interruzione. Anche per questo non è dato sapere, al momento, i tempi certi di realizzazione. L’obiettivo è di completare tutti gli step progettuali entro il 2020 e poi andare in appalto per iniziare i lavori nel 2021. L’investimento complessivo, che comprende anche le modifiche alla viabilità, è stimato in oltre 7milioni di euro che il Comune intende reperire in tre diverse modalità: vendendo l’area destinata al supermercato, tramite la vendita o la locazione a privati delle aree destinate al pubblico esercizio e tramite mutui bancari. Nel frattempo, spiega il sindaco, non si fermeranno gli investimenti sul mercato coperto esistente, che dopo aver ricevuto la nuova illuminazione e la verniciatura, verrà dotato dell’impianto di condizionamento. 

 

Viabilità

La nuova piazza d’armi sarà anche un polo di mobilità urbana. A fianco degli edifici coperti sarà realizzato il terminal per gli autobus extraurbani. Per raggiungerlo, verrà costruita una rotatoria tra via della Montagnola e via della Marina con quest’ultima che sarà in parte percorribile a doppio senso di marcia per raggiungere il capolinea bus. Previsto anche un grande parcheggio alberato, altre aree di sosta saranno ricavate vicino alle case sismiche e nei pressi della curva di via della Montagnola. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto, il centauro lotta tra la vita e la morte: si indaga sulle cause

  • Schianto sulla Cameranense, Giuliano è morto: ha donato gli organi

  • Investito da un'auto dopo essere uscito dal bar, è grave un uomo di 64 anni

  • Frontale tra due auto, paura per una giovane automobilista e strada chiusa

  • C'è l'esito dell'autopsia di Giuliano e un indagato: è il conducente del furgone

  • Addio a Attilio Sciarrillo, titolare della farmacia di via Ascoli Piceno

Torna su
AnconaToday è in caricamento