Meno della metà non prende in mano un libro e si legge sempre meno

Tra i marchigiani sono davvero pochi quelli che leggono, meno della media delle regioni dell'Italia centrale. In aumento i lettori saltuari

Aumentano i lettori saltuari ma calano drasticamente coloro che leggono per abitudine e anche i cosiddetti "lettori forti" quelli cioè che prendono in mano almeno un libro al mese. Lo ha certificato l'Istat nell'ultima indagine sulla propensione alla lettura degli italiani. Solo il 41,8% dei marchigiani legge libri per motivi non strettamente scolastici o professionali. 

Questo dato ci pone leggermente sopra la media italiana (41%) ma sotto quella delle regioni del centro Italia (44,5%). Il 48,6% legge fino a tre libri l'anno mentre il 9,2% ha dichiarato di aver letto almeno un libro al mese o anche più. Rispetto all'anno precedente aumentano quanti hanno letto almeno un libro (erano il 40%) ma diminuiscono i lettori medi (fino a tre libri l'anno erano quasi il 50%) e i "lettori forti" che erano l'11,1%.

Potrebbe interessarti

  • «Sai come se dice in Ancona?» I proverbi top del capoluogo marchigiano

  • La 5°B si ritrova 40 anni dopo la maturità: gita, ricordi e serate mondane

  • Formiche in casa? Prova con l'aglio: i rimedi naturali per allontanarle

  • Spiagge last minute a prezzi stracciati: basta un click con la startup anconetana

I più letti della settimana

  • Cellulare in bagno per copiare la versione, espulso dall'esame di maturità

  • L'invito a cena è una trappola: sequestrata in casa e stuprata

  • La vacanza finisce in tragedia: giovane papà muore schiacciato da un quad

  • In porto c'è l'Andrea Doria, il caccia della Marina aperto al pubblico per le visite a bordo

  • Chiedevano 70 euro a prestazione, scoperta la casa squillo sulla Flaminia

  • Scontro tra due auto e uno scooter, c’è un ferito e traffico paralizzato

Torna su
AnconaToday è in caricamento