Teatro ed enogastronomia vanno a braccetto: pool di esperti per il progetto integrato

un Sistema integrato di Servizi per la valorizzazione dei Beni Naturali e Culturali seguendo la logica dello scambio pubblico-privati. Il progetto è arrivato nelle Marche

Foto di repertorio

Collegare fra loro vari soggetti pubblici e privati rafforzandone le competenze; aumentare il valore attrattivo delle destinazioni turistiche meno conosciute e creare nuovi itinerari turistici per destagionalizzare i flussi. In altre parole, creare un Sistema integrato di Servizi per la valorizzazione dei Beni Naturali e Culturali seguendo la logica dello scambio pubblico-privati, per uno sviluppo economico sostenibile. È l’obiettivo di “I-Archeo.S. - Integrated System of the Natural and Cultural Heritage and the Cultural Activities”, Progetto "Standard +" finanziato nell'ambito della prima Call del Programma CBC Interreg V-A Italia-Croazia 2014-2020 realizzato da Teatro Pubblico Pugliese - Consorzio Regionale per le Arti e la Cultura (Lead Partner) con Regione Abruzzo (Dipartimento della Presidenza e Rapporti con l’Europa - Servizio della Cooperazione Territoriale IPA Adriatic), Marche Teatro, Grad Pazin, Pučko Otvoreno Učilište Poreč e Grad Crikvenica. Per raggiungere questi obiettivi il Progetto è stato concepito come un percorso razionale di cooperazione in cui il partenariato e un "Pool di Esperti" in sociologia, economia creativa e marketing territoriale e turistico, nelle persone di Danijel Bertović, Rossana Cotroneo, Ottavia Ricci e Michele Trimarchi, hanno accompagnato le parti interessate nella creazione di un Cluster pubblico-privato in ciascuno dei sei territori coinvolti, al fine di promuovere i potenziali economici delle risorse culturali e ambientali dell’area, con l'obiettivo di trasformarli (o semplicemente, rafforzarli) in nuove destinazioni turistiche, tenendo in grande considerazione la loro conservazione e la sostenibilità degli interventi.

Un pool di esperti 

Durante questo percorso di cooperazione, il Pool di Esperti ha guidato il partenariato in un'analisi strategica delle capacità dei loro territori e ha trasferito al partenariato gli strumenti per condurre un'analisi sociale approfondita del loro territorio e per condurre un l'animazione territoriale delle parti interessate per elaborare nuovi itinerari turistici tematici. Ogni partner ha applicato le conoscenze acquisite sul proprio territorio organizzando workshop locali in cui i partecipanti sono stati invitati a mescolare le loro idee per portare alla luce i loro interessi condivisi, identificare possibili collaborazioni e creare itinerari turistici in grado di narrare il territorio e le sue varie anime sospese tra natura, storia e tradizione, proponendo, infine, un modello efficiente di valorizzazione. Un centinaio sono stati gli stakeholders coinvolti, provenienti da diversi settori, che hanno preso parte alle attività del progetto e sono stati impegnati nelle azioni volte a promuovere il patrimonio naturale e culturale. Settanta di questi hanno sottoscritto accordi (sei) per “Cluster Pubblico-Privato” con durata minima di 5 anni, con il fine di aumentare la qualità dei servizi offerti; integrare i servizi territoriali e trasformare il patrimonio naturale e culturale in nuove destinazioni turistiche.

Tappe e itinerari 

I primi passi di questo percorso di cooperazione sono stati mossi a marzo 2018 con il Kick-off meeting di Progetto e il “Laboratorio strategico per il miglioramento delle risorse umane” che ha visto tutti i Partner e gli esperti incontrarsi in Puglia per la prima analisi strategica e la stesura delle linee guida e degli strumenti necessari per procedere con le attività. Dopo le tappe in Croazia, Puglia e Abruzzo in questi giorni è la volta delle Marche con "Marche, theatre of beauty, dal 19 al 23 Giungo 2019". “Le Marche, teatro di bellezza“, dall’azzurro del mare, ai sentieri verdi della macchia mediterranea, al giallo dei campi di girasoli, tra storia, arte, architettura e luoghi inaspettati, il percorso è stato ambientato nell’atmosfera di Inteatro Festival, storica manifestazione e vetrina per gli artisti più innovativi del panorama italiano e internazionale. Sono stati oltre 100 i tour operator internazionali, provenienti dai 5 continenti, che hanno preso parte attiva agli itinerari elaborati dal progetto. Tutti gli itinerari sono stati quindi caricati sulla Web App www.iarcheos.eu, per migliorare l'accessibilità e la fruizione dei siti inseriti negli itinerari. La Web App è stata inoltre promossa con un banner visibile dal 17 al 30 giugno all’interno del portate web di Touring Club- Il Pool di Esperti ha in ultimo elaborato un "Piano di trasferibilità e implementazione dei risultati e degli output” di Progetto che descrive la metodologia adottata per la creazione del nuovo modello di cooperazione tra attori pubblici e privati per uno sviluppo economico sostenibile e che comprende le linee guida affinché tale modello sia utilizzabile da altre organizzazioni, regioni, paesi al di fuori dell'attuale partnership.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto, il centauro lotta tra la vita e la morte: si indaga sulle cause

  • Il supermercato Tuodì chiude dopo 18 mesi dall'apertura: «Troppa concorrenza»

  • Schianto sulla Cameranense, Giuliano è morto: ha donato gli organi

  • Ragazza annegata a Marina Dorica, sigilli sulla discoteca che le aveva dato da bere

  • La colonia di gatti sta per essere distrutta, l'appello disperato: «In 80 rischiano di morire»

  • Schianto pauroso sulla Cameranense, tre i mezzi coinvolti: motociclista gravissimo

Torna su
AnconaToday è in caricamento