Taglio del nastro con bolidi, piloti e pit stop: aperta la sede del Ferrari club

All'inaugurazione hanno partecipato anche il collaudatore della Ferrari F1 Antonio Fuoco e il direttore operativo della scuderia di Maranello, Mauro Apicella

La Ferrari F2002 a Jesi

La Ferrari di Formula Uno fa tappa, anzi pit-stop, a Jesi. Il bolide del 2002 con cui Michael Schumacher vinse uno dei cinque titoli consecutivi in rosso ha dato spettacolo domenica scorsa in via Gallodoro, a pochi metri dalla nuova sede del Ferrari Club di Jesi. A inaugurare la struttura, che sarà la casa del club già operativo da un anno, sono intervenuti anche i rappresentanti della scuderia di F1: il direttore operativo della Scuderia Ferrari Mission Winow, Mauro Apicella, e il pilota collaudatore Antonio Fuoco. 

All’inaugurazione c’erano anche piloti marchigiani che si sono distinti nell’automobilismo e motociclismo italiano e non solo. Tra questi Daniel Mancinelli, pilota della Ferrari 488GT3, lo jesino Enrico Fulgenzi impegnato nella Porsche Cup Italia, il 16enne Simone Rizzitelli che si è classificato 4°assoluto nel campionato prototipi e Alessia Polita, la campionessa italiana ed Europea della Stock 600 rimasta paralizzata dopo il brutto incidente in moto a Misano nel 2013. Da diverse città marchigiane inoltre sono arrivate diverse decine di esemplari di Ferrari. Presenti all’inaugurazione i club di Pesaro, Montemarciano, Altidona, Potenza Picena e Ostra con le auto tra le quali diverse 488 “Pista”, modelli speciali di Maranello perché consegnati solo a chi ha acquistato almeno 3 Ferrari. Durante l’inaugurazione i club e persone del pubblico si sono sfidati al pit-stop: per cambiare le gomme alla F2002 il club jesino ha impiegato 5 secondi  stabilendo il nuovo record di pit-stop in piazza che fino a domenica era di 7 secondi. 

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Soddisfatto della giornata il presidente del club Antonio Ferrari: «Personalmente sono felicissimo perché nonostante il caldo torrido molte persone hanno deciso di non andare al mare e venire qui, durante il pit stop abbiamo anche fatto delle belle sudate con i 40° di temperatura. Stamattina ho acceso il cellulare e ho contato 60 messaggi di ringraziamento per l’evento».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio alla baia, le fiamme divorano il ristorante Spiaggia Bonetti

  • Alba di fuoco a Portonovo, ogni ipotesi aperta. Bonetti: «Una tragedia ma ripartiremo»

  • Piazza del Papa come un ring, volano anche bottiglie di vetro: tre giovani in ospedale

  • Terribile schianto in via Conca, tir perde il controllo e schiaccia un'auto

  • Spiagge libere in alto mare, un salasso: ecco tutto quello che c'è da sapere

  • Lidl continua a crescere, nuovo punto vendita ad Ancona e 6 assunzioni

Torna su
AnconaToday è in caricamento