Fine pena fra 2 mesi, appello per il detenuto: «Fatelo uscire, ha problemi respiratori»

Arriva una lettera al nostro giornale in cui una donna lancia un appello per suo marito in carcere

Foto di repertorio

Dopo il servizio di AnconaToday sulla giustizia sospesa per un Tribunale di Sorveglianza "congelato" e la denuncia della moglie di un detenuto, arriva una lettera al nostro giornale in cui Giada lancia un appello per suo marito, anch'esso in carcere. Perché oggi, tra i familiari dei detenuti dorici, c'è paura per il giorno in cui in uno dei due istituti penitenziari, spunti il promo caso di positivo al Coronavirus. E allora perché non far uscire i detenuti che possono farlo? Perché non mandare a casa quelli che hanno pieno di diritto di una sospensione temporanea della pena in carcere attraverso la detenzione domicliare o la messa alla prova?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Sono la moglie di un detenuto facente parte dell’Istituto Barcaglione e, ad oggi, mi ritrovo con mio marito, con una pena residua di due mesi, un’istanza presentata 15 giorni fà prima dell’annucio della chiusura delle attività commerciali, quindi quando ancora tutto era abbastanza attivo. L'ho fatto tramite un’avvocato che si è recato in un tribunale deserto, che ha posto istanze telematiche dove non c’è nessuno che le scarichi. Premetto che il mio compagno ha malattie pregresse e soffre di problemi respiratori perché è soggetto a bronchiti croniche e non abbiamo contatti assidui, anche perché la connessione Skype del penitenziario non funziona. In un mese abbiamo diritto ad 8 colloqui, ne abbiamo fatto uno visivo per 40 minuti e uno recente dopo 20 giorni. Sappiamo che sono entrati detenuti nuovi, nonostante ci siano divieti di spostamento e molte famiglie, come la mia, sono arrabbiate, preoccupate e sconcertate dal fatto che molti rischiamo la vita per andare al lavoro, mentre un tribunale già chiuso al pubblico di per sé, diserta dai suoi doveri come se chi stesse dietro alle sbarre non fosse ritenuta una persona, non abbia i suoi diritti. Con molto rammarico mi scuso per lo sfogo, ma la situazione inizia ad essere pesante e surreale. Grazie dell’attenzione buona giornata".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna si rifiuta di dare i soldi al badante che lavorava per lei: lui la stupra in casa sua

  • Marche, nell'ultima settimana si abbassa l'età dei positivi :il 75% dei casi è under 35

  • Frecce tricolori ad Ancona, venerdì 29 maggio lo spettacolo nei cieli: info e orari

  • Spiagge libere in alto mare, un salasso: ecco tutto quello che c'è da sapere

  • Bloccato sulla porta di casa, la polizia trova coltelli e una mazza: «Volevano ammazzarmi»

  • Lidl continua a crescere, nuovo punto vendita ad Ancona e 6 assunzioni

Torna su
AnconaToday è in caricamento